Ingegneri Riuniti è stata recentemente impegnata nella elaborazione di un progetto esecutivo relativo ai lavori di Demolizione e Ricostruzione del nuovo edificio ad uso abitativo, inerente l’immobile danneggiato a seguito degli eventi sismici che hanno colpito il Comune di Modena in data 20 e 29 maggio 2012. 

Il fabbricato, di proprietà privata, è sito nel Comune di Novi di Modena, in Via Provinciale Modena, n. 136.

Il manufatto originario compatto presentava al suo interno: 

• l’abitazione che si sviluppava su due piani abitabili ed un sottotetto con buone altezze interne;

• un locale adibito a deposito, una vecchia stalla con sovrastante fienile ormai non più utilizzati.   

Le aggregazioni successive erano destinate a deposito attrezzi agricoli, pollaio e ripostigli generici. Il resto dell’area si presentava libero da costruzioni. L’edificio principale era intonacato. Era presente inoltre, tutto intorno all’edificio, un marciapiede in cemento e graniglia di marmo di circa 1 metro di larghezza. Nasce da questo la rivisitazione progettuale, la quale tenta di cogliere i suggerimenti espressi dalla Commissione Qualità per l’Architettura e il Paesaggio dei Comuni delle Terre d’Argine, interpretandoli in una proposta progettuale tesa nella coniugazione tra le esigenze della proprietà, cioè la ricostruzione di un edificio di minore dimensione e volumetria. E’ chiaro che il compito è risultato alquanto difficoltoso poiché l’organismo così rivisitato manifesta una volumetria alquanto ridotta rispetto all’originaria, ma si è cercato di cogliere il concetto di “aggregazione ad un evidente corpo principale compatto”, sviluppando il nuovo organismo edilizio imperniandolo sulla parte abitativa principale, ricompattandolo e non frantumandolo in sequenze successive, dandogli una prevalenza di fabbricato “principale”. L’introduzione di una “porta morta” separa la parte dell’edificio destinata ai servizi legati all’agricoltura, differenziandosi anche nella configurazione altimetrica dal corpo principale. Ne scaturisce un edificio con una composizione morfologica molto semplice e chiaramente riconducibile a schemi tipici dell’edilizia rurale delle nostre zone. Per la scelta dei materiali e delle tecnologie il progetto attinge da quelli che fanno parte della tradizione consolidata del territorio rurale delle nostre zone.

Scheda sintetica

Anno: 2013

Luogo: Novi di Modena (MO)

Committente: privato