Ad una prima stesura del Piano approvato nel 2010 con la previsione di 10 palazzine da un minimo di 8 alloggi ad un massimo di 14 allogi per complessive 96 unità immobiliari, è subentrata una prima variante che si propone un impianto più flessibile e facilmente adattabile delle parti private attraverso l'individuazione di subcomparti ai quali assegnare una SU definita, un numero massimo di alloggi e dei piani edificabili.
In questo modo rimane libera la definizione delle tipologie da edificare e la loro distribuzione nel lotto: ogni subcomparto andrà definendosi secondo le richieste dell'utenza nel tempo.
Particolare attenzione è stata data all'arredo urbano, al trattamento delle acque di prima pioggia, all'arredo del verde, alla configurazione di strade e parcheggi, ai collegamenti del nuovo quartiere con quelli esistenti contermini non solo dal punto di vista funzionale, ma anche per quanto riguarda l'integrazione paesaggistica, le viste, i canocchiali con vista di arrivo particolarmente curate.

Scheda sintetica

Anno: 2005-2011

Luogo: MODENA

Committente: Società privata

Note

Ad una prima stesura del Piano approvato nel 2010 con la previsione di 10 palazzine da un minimo di 8 alloggi ad un massimo di 14 allogi per complessive 96 unità immobiliari, è subentrata una prima variante che si propone un impianto più flessibile e facilmente adattabile delle ...